Il caffè dell'Asian Art Museum chiude dopo quattro anni di attività

Il caffè dell’Asian Art Museum chiude dopo quattro anni di attività

Il 31 luglio, l’Asian Art Museum ha detto addio al suo caffè di quattro anni poiché la domenica al Museo ha chiuso definitivamente. Il caffè, noto per i suoi comfort food asiatici e boba, ha annunciato la chiusura su Instagram il 22 luglio.

Deuki Hong, co-proprietario di The Sunday Family Hospitality Group, che operava domenica al Museo, ha detto a SFGATE che la decisione di chiudere è arrivata quando il contratto era in scadenza. Il team ha deciso di non rinnovare, poiché avrebbe consentito al team di concentrare adeguatamente gli sforzi su altre località del Sunday Group.

“Ci siamo semplicemente sentiti estremamente tesi”, ha detto Hong. “Ci siamo appena resi conto: ‘Possiamo sostenere questo per altri cinque anni?’ E quando quella risposta alla fine è diventata no, non ci siamo sentiti così sicuri”.

Il Sunday Group gestisce altre tre attività – Sunday Bakeshop, Sunday Gather e Sunday Social – e il rinnovo del contratto all’Asian Art Museum avrebbe continuato a mettere a dura prova la squadra. La domenica al Museo è iniziata nel 2018, quando Hong ha collaborato con Andrew Chau e Bin Chen, fondatori di The Boba Guys, per fornire al museo il suo nuovo caffè. Il Sunday Group ha supervisionato le offerte di cibo, mentre i Boba Guys hanno fornito opzioni per le bevande.

Il caffè faceva parte di un progetto di espansione da 90 milioni di dollari al Museo.

Cenare la domenica al Museo non richiedeva il biglietto. Il caffè ha interrotto le attività durante la pandemia poiché era vincolato al programma del museo, ma è stato in grado di tornare per terminare il suo contratto. Nonostante la partenza, Hong guarda indietro agli ultimi quattro anni con un obiettivo molto positivo.

“Il museo è stato semplicemente un partner incredibile”, ha detto Hong. “Semplicemente prenderci cura di noi, apportare tutti questi emendamenti e rimproveri e praticamente qualsiasi cosa vorresti, nemmeno un rapporto di padrone di casa – era più davvero una partnership. E così ci hanno reso le cose davvero facili”.

Il sentimento era reciproco, ha confermato un portavoce dell’Asian Art Museum.

“Siamo orgogliosi di ciò che Deuki e il suo team hanno realizzato”, ha affermato il museo in un’e-mail a SFGATE. “Ci hanno mostrato cosa significa abbinare il tuo menu alla tua missione, a cominciare dai creatori locali per catturare la complessità e la gioia dell’esperienza asiatica americana. Deuki ci ha ricordato che il cibo, come l’arte, sarà sempre un modo meraviglioso per condividere la cultura”.

A partire da ora, gli ospiti del museo dovranno rivolgersi alle opzioni del quartiere per accompagnare la loro visita, poiché al momento non sono disponibili punti ristoro nel museo. Tuttavia, un portavoce ha confermato che stanno “cercando attivamente un nuovo partner”.


#caffè #dellAsian #Art #Museum #chiude #dopo #quattro #anni #attività

Leave a Comment

Your email address will not be published.