Recensione 'Katips': rabbia, amore, storia attraverso la canzone

Recensione ‘Katips’: rabbia, amore, storia attraverso la canzone

MANILA, Filippine — Coppie di giovani attivisti che lottano per la giustizia compongono il grande vincitore di FAMAS 2022 “Katips: The Movie”, l’adattamento cinematografico dell’omonimo musical del 2016 di Vince Tañada.

“Katips” prende il nome dai “nuovi Katipuneros”, che sono gli attivisti studenteschi della zona di Katipunan di Quezon City che protestano contro la dichiarazione di legge marziale imposta dal defunto presidente Ferdinand Marcos.

La maggior parte delle scene del film sembra essere stata tirata fuori da una scenografia, dalla scenografia alla coreografia eseguita dall’ensemble. La somiglianza più vicina sarebbe “Les Miserables”, a sua volta caratterizzato dalla rivoluzione dei giovani attivisti.

La musica di Pip Cifra a volte è orecchiabile, ma può diventare un po’ sgradevole ascoltando i testi mentre si vedono le labbra dei personaggi.

Tuttavia, puoi sentire la rabbia scorrere attraverso i testi di Cifra e la storia di Tañada, quest’ultima che funge anche da regista del film e interpreta l’attivista Ponyong.

Imparentato: Il film sulla legge marziale ‘Katips’ vince alla grande a FAMAS 2022

Non dovrebbe sorprendere che Tañada sia l’interprete stellare quando si tratta di cantare, specialmente durante la sua interpretazione di “Manhid”, e la sua rappresaglia è una completa inversione di tendenza di esplosioni emotive.

In effetti, gli unici altri artisti che potevano eguagliare Tañada sullo schermo erano Adelle Ibarrientos, lei stessa che si è dimostrata capace di pipe, e un Mon Confiado molto avvincente nei panni del tenente Sales.

“Katips” non riguarda solo le proteste, ma anche l’amore che sboccia da ideali affini, come si vede con Alet di Tañada e Ibarrientos e con Greg di Jerome Ponce e Lara di Nicole Laurel Asensio – questo è meglio mostrato nella canzone “Sa Gitna ng Gulo .”

Al film è giustamente assegnato un rating R-16 a causa di alcune scene di brutali torture, che diventano ancora più orribili quando ci si rende conto che tali atrocità sono avvenute durante un regime spietato, e parla del messaggio che “Katips” sta cercando di invocare.

Dall’inizio alla fine, “Katips” fa il possibile per onorare i giovani eroi che hanno combattuto per ciò che il loro paese meritava, e mentre subisce alcuni passi falsi nel saltare da un palco all’altro, cerca di sperare che una nuova generazione impari ciò che è stato perso, vinto e deve essere ricordato.

IMPARENTATO: Il produttore di “Katips” sfida “Maid in Malacañang”

.
#Recensione #Katips #rabbia #amore #storia #attraverso #canzone

Leave a Comment

Your email address will not be published.