Sun & Sea: l'opera d'arte è "la cosa più strana che abbia mai visto"

Sun & Sea: l’opera d’arte è “la cosa più strana che abbia mai visto”

Ha lo scopo di stupire coloro che sono abbastanza fortunati da testimoniarlo, eppure quello che sta succedendo in questa immagine sta spaventando alcune persone.

Le donne in bikini giacciono sdraiate sui teli da mare mentre prendono il sole, mentre gli uomini in pantaloncini si rilassano e i bambini costruiscono castelli di sabbia.

Ma c’è una svolta; queste persone non sono in spiaggia. Invece, sono all’interno di un edificio e ci sono spettatori completamente vestiti che guardano dall’alto e scrutano ogni loro mossa.

L’immagine lascia perplessi alcuni utenti dei social media, con commenti che sembra una scena di un bizzarro film carcerario.

“Ci sono persone stipate e alcune persone le guardano come se fossero in spiaggia ma non sono in spiaggia, sono in un edificio con dentro della sabbia”, ha detto un commentatore dei social media.

“Senza dubbio questo deve essere il filmato più strano che abbia mai visto in tutta la mia vita… È piuttosto folle, piuttosto selvaggio, piuttosto là fuori.”

Un altro ha commentato che potrebbe essere come una “prigione per super ricchi”, mentre un terzo ha detto che sembra una “prigione”.

Si scopre che in realtà è l’opera d’arte/opera Sole&Mareche ha viaggiato in diverse gallerie d’arte in tutto il mondo, ogni volta con un aspetto leggermente diverso.

I “beachgoers” sono cantanti d’opera e cantano mentre la natura intorno a loro si sgretola.

Molti di coloro che hanno visto il display ne sono rimasti entusiasti, definendolo “straordinario”.

“C’è meno un sentimento di sventura che un’eleganza di bella tristezza”, ha scritto un membro del pubblico.

Nel 2019, l’opera ha vinto l’ambito Leone d’Oro alla Biennale di Venezia 2019, mentre rappresentava la Lituania.

Al momento, Il guardiano ha riferito che i visitatori hanno guardato dall’alto la mostra dalla galleria di un menestrello all’interno di un vecchio magazzino navale nell’Arsenale di Venezia.

Più recentemente, il pezzo è stato presentato al Museo d’arte di Reykjavik in Islanda nel giugno di quest’anno per il festival artistico della città, caratterizzato dalla sabbia nera della costa del paese vulcanico.

Sole&Mare la curatrice del progetto Lucia Pietroiusti ha una descrizione intrigante dell’esposizione. “Immaginate una spiaggia. Il sole cocente, la crema solare e i costumi da bagno luminosi, i palmi e le gambe sudate”, ha detto.

“Le membra stanche si distendevano pigramente su un mosaico di asciugamani. Immagina lo strillo occasionale dei bambini, le risate, il rumore di un furgone dei gelati in lontananza.

“Il ritmo musicale delle onde sul surf, un suono rilassante. Lo scricchiolio dei sacchetti di plastica che volteggiano nell’aria, il loro silenzioso galleggiamento, simile a una medusa, sotto la linea di galleggiamento. Il rombo di un vulcano, o di un aereo, o di un motoscafo.

“Poi un coro di canzoni: canzoni di tutti i giorni, canzoni di preoccupazione e noia, canzoni di quasi nulla. E sotto di loro, il lento scricchiolio di una Terra esausta, un sussulto.

La performance si ripete continuamente, per quattro ore al giorno e il pubblico può andare e venire a suo piacimento.

Le prossime località del tour includono Helsinki, Barcellona e Lisbona.

.
#Sun #Sea #lopera #darte #cosa #più #strana #che #abbia #mai #visto

Leave a Comment

Your email address will not be published.